Pizzeria Ciarly Napoli Io e Margherita

Qui non c’era arrivato nessuno, solo Vincenzo Pagano di Scatti di Gusto. Che già ad agosto metteva nero su bianco i miracoli di Raf Bonetta, 33 anni, giovane pizzaiolo che – a giudicare dalle foto su Instagram – sta onorando, a grandi sbuffate d’aria, la grande “tradizione” del canotto napoletano (ormai possiamo chiamarla così, no?). Dico a giudicare dalle foto su Instagram perché Bonetta non c’è la sera in cui vado e la pizza Margherita che mi servono ha un aspetto sicuramente diverso da quanto avevo ammirato in giornate di dedizione su Internet.

Pizzeria Ciarly Napoli Io e Margherita

Una fogliolina di basilico piccola quanto un’unghia annega in un mare di fiordilatte. Il cornicione è morbido, anche se non vedo tutte queste caverne. In generale, la pizza ha un sapore equilibrato, per lunghi tratti anche molto gustoso, complice il pomodoro buonissimo. Ma la cottura lascia a desiderare, con qualche centimetro di impasto un po’ crudo qua e là. Da rivedere.

Pizzeria Ciarly Napoli Io e Margherita

Leggi anche: 3 pizze da mangiare a Napoli fuori dai soliti schemi

  • 6.0/10
    COTTURA - 6.0/10
  • 8.0/10
    IMPASTO - 8.0/10
  • 8.0/10
    INGREDIENTI - 8.0/10
  • 7.0/10
    ASPETTO - 7.0/10
7.3/10

Leave a Reply