La pizza biologica da Bio.it a Milano

Tra i sempre più numerosi locali pronti a soddisfare, almeno sulla carta, la voglia di autentica pizza napoletana a Milano non dobbiamo considerare solo le nuove aperture, ma anche ristoranti già affermati che, sfruttando il trend del momento, hanno arricchito il loro menù con la pizza. Questo è il caso di Bio.it, ad esempio, rinomato per la cucina totalmente basata su prodotti biologici, da qualche settimana munito di forno elettrico Izzo, pronto a soddisfare, solo di sera, anche la voglia di pizza in stile partenopeo, come leggiamo dal loro sito internet.

Pizzeria Bio.it Milano RecensioneNon potevamo esimerci da un test. Sicuri su quanto avremmo ordinato, entriamo e ci accomodiamo a un grazioso tavolino con una spettacolare vista sul Bosco Verticale. Sfogliamo il menù, notando una ricca offerta che spazia dagli antipasti ai secondi, attentissima agli abbinamenti e agli ingredienti usati, molto più vagamente mediterranea che di impronta partenopea. Attendiamo la nostra Margherita da 9.00€, che ben presto arriva al tavolo, sorprendendoci subito per l’aspetto che ci pare ben poco partenopeo. Il disco si presenta non molto regolare, steso spesso anche al centro, con qualche bolla che sbuca tra il fiordilatte e il pomodoro San Marzano, troppo ridotto in diametro, con un cornicione timidissimo, un’alveolatura quasi assente e una scarsa maculatura.

Non ci scoraggiamo e assaggiamo. Per fortuna, fin dal primo taglio, la consistenza corretta, elastica e morbida a dovere e per nulla croccante come temevamo al primo colpo d’occhio, ci colpisce. Anche il sapore, a conti fatti, richiama quello di un’autentica pizza napoletana, anche se fin troppo da lontano, stando alle nostre papille gustative che di pizze napoletane ne hanno provate tante. Non può che stupirci la densità notevole dell’impasto, tanto che non ci facilita la masticazione e non permette a nessun alveolo di svilupparsi come dovrebbe. A risollevare le sorti della digestione, per fortuna, corre in aiuto una corretta lievitazione, semplice, naturale e di 24 ore.

Pizzeria Bio.it Milano RecensioneLa cottura non ci lascia troppo entusiasti. Sembra adeguata, anche se qualche secondo in più in forno forse non avrebbe guastato, a maggior ragione considerando il centro non poi così sottilissimamente steso. La vera nota di merito, invece, la dobbiamo conferire alla farcitura. Gli ingredienti sono di grande qualità e fin dal primo morso ce ne accorgiamo. Il pomodoro spicca gustoso e vagamente acidulo come dev’essere, non passato finemente e non troppo liquido da inzuppare l’impasto in modo esagerato. Anche il fiordilatte, generoso e tagliato a fette spesse, tiene testa al pomodoro, ma c’è un “ma”… Davvero saporito fin dal primo boccone, si mescola con gli altri ingredienti a creare un aroma complessivo ben poco di “Margherita partenopea”. L’olio non manca, spiccato nel colore giallo, meno nel sapore delicatissimo. Su una Margherita da manuale non può mancare il basilico: qui c’è, un po’ in cottura e un po’ a crudo, a completamento di un quadro di gusti nel complesso riuscito.
Pagato il conto al serissimo e professionale personale, usciamo avendo provato una gamma completa di emozioni: dalla delusione iniziale dovuta all’aspetto, al piacevole stupore del primo morso, fino al plauso finale per la farcitura, latticino a parte: in un modo o nell’altro è di sicuro un locale che lascia il segno!

(articolo a cura di Nicola Tisiot)
  • 6.0/10
    COTTURA - 6.0/10
  • 6.5/10
    IMPASTO - 6.5/10
  • 7.5/10
    INGREDIENTI - 7.5/10
  • 5.5/10
    ASPETTO - 5.5/10
6.4/10