Tra nuove aperture, classifiche natalizie (fatte da voi) e divagazioni fuori mura, forse abbiamo perso un po’ il filo. Ebbene sì, non fate altro che chiedermi: “ok, ma allora dove vado a mangiare stasera?“, e mi rendo conto di quanto sia vano restituirvi l’invito a leggere il blog, a dare un’occhiata alla mappa. Volete il cocco ammunnato e bbuono, come si dice a Napoli! Un riferimento immediato. Una guida. Facciamo così, lasciamo perdere voti, pagelle e giudizi per un momento. Iniziamo con le prime 5.

Lievità

Via Pasquale Sottocorno, 17. Tel. 02 7631 7142

Lievità Via Sottocorno Giorgio Caruso Io e Margherita

Prezzi:
Ingredienti:

Perché andare da Lievità

Per una pizza d’ispirazione napoletana diversa dal solito, fragrante, semi-integrale e altamente digeribile. Aspettatevi di pagare molto e di mangiare benissimo. Le farciture che propone Giorgio Caruso rivaleggiano con poche altre a Milano. Uscirete alleggeriti, in tutti i sensi.

Non andate se

Se siete degli irriducibili integralisti della napoletana verace. Benché si possa catalogare come una delle sue più illuminate reintrepretazioni, questa è un’altra cosa.

Da non perdere da Lievità: la Montanara con San Marzano DOP, Parmigiano Reggiano 24 mesi e basilico fresco. Una goduria.

dove mangiare la pizza a milano - la montanara di lievità

La Montanara di Lievità Sottocorno


Anema e Cozze

Via Pietro Orseolo, 1. Tel. 02 3657 6140

Anema e Cozze

Prezzi:
Ingredienti:

Perché andare da Anema e Cozze

Per una pizza napoletana di grande tradizione, sottile, verace, profumata di legna e basilico, gustosissima. Luigi Capuano è il decano dei pizzaioli napoletani a Milano. Volete perdervi la pizza di un maestro che ha quarant’anni di esperienza alle spalle?

Non andate se

Se siete fissati per quelle cose che scrivono sui menu le pizzerie dell’ultima ora: “farine semintegrali biologiche”, “impasto alternativo” e “macinate a pietra”. Qui non si fa marketing, si fa la pizza vera. 

Da non perdere da Anema e Cozze: non uscite da lì senza aver provato la pizza fritta. La migliore.

dove mangiare la pizza a milano - la pizza fritta di anema e cozze orseolo

La pizza fritta cicoli e ricotta di Anema e Cozze


Olio a Crudo

Via Montevideo, 4. Tel. 02 5810 4789

Gino Sorbillo Olio a Crudo Gennaro Rapido Io e Magherita

Prezzi:
Ingredienti:

Perché andare da Olio a Crudo

Per una pizza “a rota ‘e carretta” debordante dal piatto di portata, sottilissima e con un pomodoro strepitoso. Nessuno più ne parla, ma in via Savona (angolo Montevideo) va in scena ogni sera Sorbillo che cita se stesso (dopo Lievito Madre al Duomo). Gennaro Rapido è una garanzia assoluta, e quando trovate lui al forno la pizza ha sicuramente un tocco in più.

Non andate se

Se le pizze così grandi vi spaventano. 

Da non perdere da Olio a Crudo: la Marinara, probabilmente la migliore della città.

dove mangiare la pizza a milano - la marinara di olio a crudo

La Marinara di Olio a Crudo


Rossopomodoro

Viale Sabotino, 19. Tel. 02 5832 8501

Pizza allo Zafferano Io e Margherita Rossopomodoro Vincenzo Capuano Milano

Prezzi:
Ingredienti:

Perché andare da Rossopomodoro

Per una pizza dal gonfio e ossigenato cornicione, la lievitazione spinta all’estremo, l’idratazione pure. Vincenzo Capuano è un chimico e un campione dell’impasto. Un vero ambasciatore della pizza di questi anni, digerita ancor prima di passare dal vostro esofago.

Non andate se

Se non vi piace la pizza. Altre ragioni non mi vengono in mente. 

Da non perdere da Rossopomodoro: la Don Vincenzo, fuori menu. Datterino giallo, bufala e pecorino bagnolese. Cornicione ripieno di ricotta. Squisita.

Pizza allo Zafferano Io e Margherita Rossopomodoro Vincenzo Capuano Milano

La Don Vincenzo di Rossopomodoro, solo in viale Sabotino


PIZ

Via Torino, 34. Tel. 02 8645 3482

Piz Pasquale Pometto Milano Io e Margherita

Prezzi:
Ingredienti:

Perché andare da PIZ

Perché il servizio è tra i migliori, se non il migliore, a Milano. Nella frenesia generale, fatta di musica pessima e chiassoso folklore, il personale è organizzato, attento e capace. Ti prendono col prosecco e l’assaggino. Certo, c’è da aspettare, ma Pasquale Pometto è lì che ammacca e sorride, e va bene così.

Non andate se

Se siete tra quelli abituati a prenotare un tavolo due settimane prima e concludere la cena già alle 20. 

Da non perdere da PIZ: la Margherita, ma soprattutto i cicchetti a fine pasto. Chiedete il liquore al pistacchio o il meloncello. Uscirete più ‘mbriachi di una serata al Rocket.

Piz Pasquale Pometto Milano Io e Margherita